RADIAZIONI

Il radon è un inquinante presente in natura e può diventare di particolare interesse da un punto di vista sanitario solo quando è presente negli ambienti "confinati".
Infatti se il gas radon, prodotto dal suolo e dalle rocce, fuoriesce e si diluisce nell'atmosfera, la sua concentrazione risulta talmente bassa da non costituire un rischio per la salute; se invece il gas radon penetra in un ambiente "confinato", tenderà ad accumularsi raggiungendo livelli tali da rappresentare un rischio.

Read More

PARTICOLATO

Si definisce «particolato» una miscela di particelle solide o liquide in sospensione in un gas. In chimica ambientale particolato, particolato sospeso, pulviscolo atmosferico, polveri sottili, sono termini che identificano l'insieme delle sostanze sospese in aria. È presente in atmosfera terrestre per cause naturali e antropiche.

Read More

VIBRAZIONI

Nel caso oggetto di studio le vibrazioni sono causate da attività lavorative svolte a bordo di mezzi di trasporto o di movimentazione quali ruspe, escavatori, camion.

Read More

ACQUE

In fase di cantiere possono verificarsi sversamenti accidentali di liquidi inquinanti. Questi sversamenti possono confluire direttamente in acque superficiali oppure possono riversarsi sul suolo e raggiungere le acque superficiali solo successivamente oppure possono percolare in profondità nelle acque sotterranee. Risulta per tali ragioni fondamentale effettuare dei campionamenti delle acque superficiali e se possibile sotterranee della zona di interesse prima dell’avvio delle attività d’opera per avere il quadro caratteristico della zona.

Read More

ARIA

Gli ossidi di zolfo sono gas incolori, di odore acre e pungente, prodotti dalla combustione di materiale contenente zolfo. Le forme più comunemente presenti in atmosfera sono il biossido di zolfo e l’anidride solforica.
Gli ossidi di azoto sono inquinanti atmosferici. Il maggiore responsabile dell’inquinamento da ossidi di azoto in aree abitate è il traffico autoveicolare che rappresenta quasi il 50% della produzione globale ed in particolare per l’utilizzo dei motori diesel.
L’ozono è un gas naturale di colore bluastro, un energico ossidante nei confronti di materiali organici ed inorganici.
Il monossido di carbonio è un gas incolore, inodore e insapore. La sua concentrazione nell’aria, lontano da sorgenti naturali o artificiali di emissione, è estremamente bassa. Fonti naturali di tale gas sono rappresentate da incendi boschivi, eruzione di vulcani, reazioni di ossidazione del metano.
Il benzene è un composto chimico che si presenta sotto forma di liquido volatile incolore altamente infiammabile, dall'odore caratteristico. Si riscontra naturalmente nel petrolio greggio, mentre è prodotto accidentalmente in tutti i processi naturali o antropici che implicano combustione di materia organica (ad esempio fumo di sigaretta, combustione del legno, eruzione di vulcani, incendi). La principale fonte di immissione artificiale di benzene in ambiente è rappresentata complessivamente dai processi di produzione, stoccaggio, trasporto, volatilizzazione e combustione della benzina per auto.

Read More

AMIANTO

Col termine amianto vengono definiti gruppi diversi di minerali. In natura è un materiale comune. La sua resistenza al calore e la sua struttura fibrosa lo rendono adatto come materiale per indumenti e tessuti da arredamento a prova di fuoco, o nell’edilizia. Ma la sua accertata nocività per la salute ha portato a vietarne l'uso in molti paesi, tra cui l'Italia dal 1992. Le polveri contenenti fibre d'amianto, respirabili, possono causare gravi patologie.

Read More

POLVERI

Si definiscono smarino i detriti (sia terre sciolte, o frammenti rocciosi) provenienti dai lavori di scavo di gallerie, cave e miniere. Lo smarino di miniera riguarda la frazione di roccia disgregata che non contiene il minerale oggetto della coltivazione mineraria oppure che lo contiene in minime percentuali, inferiori a quelle richieste per un recupero economico del minerale dal detrito stesso.

Read More

RUMORE

Gli effetti sulla salute umana correlati all’esposizione al rumore sono dipendenti da numerose variabili, come le caratteristiche fisiche del fenomeno, i tempi e le modalità di manifestazione dell’evento sonoro e la specifica sensibilità del soggetto esposto.

Read More

CLIMA

É un dato importante dal momento che questi sono i fattori maggiormente condizionanti la dispersione atmosferica dei potenziali inquinanti.

Read More